Direction de l'Emploi, du travail et des affaires sociales

Comunicato finale della Riunione dei Ministri della Sanità, Parigi, 13-14 maggio 2004 - verso sistemi sanitari con più elevate prestazioni

 

14/05/2004 - I Ministri della sanità dei Paesi dell'OCSE si sono riuniti per la prima volta all'OCSE il 13 e14 maggio 2004. Essi si sono incontrati per esaminare i risultati del progetto sulle politiche sanitarie dell'OCSE che si è svolto su un periodo di tre anni e che ha esaminato i mezzi per migliorare la performance dei sistemi sanitari dei Paesi dell'OCSE. La riunione è stata  presieduta da Julio Frenk, Ministro messicano della sanità, i Vice Presidenti erano Mihaly Kökény, Ministro ungherese della sanità, e degli affari sociali e della famiglia, e Tomy G. Thompson, Secretary of Health and Human Services degli Stati Uniti. I Ministri della sanità hanno anche avuto una discussione con i Ministri dell'economia e delle finanze sul finanziamento dei sistemi sanitari. Il Comitato consultivo economico e industriale (BIAC) e la Commissione sindacale consultiva (TUAC) presso l'OCSE hanno ugualmente tenuto consultazioni con i Ministri.

PRINCIPALI CONCLUSIONI DELLA RIUNIONE

Abbiamo globalmente concluso che :

  • I Paesi dell'OCSE hanno registrato, negli ultimi anni, ampi miglioramenti sul piano della salute, in particolare con un allungamento della speranza di vita (per esempio, un bambino nato in un Paese dell'OCSE nel 2000 ha una speranza di vita mediamente superiore di nove anni rispetto a quella di un bambino nato nel 1960);
  • Tutti i Paesi dell'OCSE devono rispondere alle sfide poste dalla sostenibilità finanziaria e dall'efficienza dei loro sistemi sanitari e dalla difficoltà di fornire cure di elevata qualità a tutti (la quota della spesa sanitaria dei Paesi dell'OCSE rispetto al PIL non superava mediamente il 5%  nel 1970, mentre oggi si attesta quasi al 9% ed è destinata ad aumentare);
  • Il progetto sulla sanità dell'OCSE ha mostrato come sia  i provvedimenti efficaci sia quelli inneficaci possono insegnarci molto in materia di sanità, tramite comparazioni internazionali dei sistemi di sanità;
  • Ma -- i valori, gli usi e le istituzioni essendo diversi secondo i paesi -- non esiste un unico modello ideale in materia di sistemi sanitari.
     

 Tenuto conto delle differenze nazionali, i Paesi dell'OCSE dovrebbero se del caso:

a) Proseguire sulla strada dei successi già conseguiti in materia di speranza di vita e di stato della salute, ricorrendo a mezzi più efficaci rispetto al loro costo, per assicurare le cure di più elevata qualità ai propri cittadini.
b) Dare priorità alla prevenzione delle malattie e allo sviluppo di modi di vita più sani di fronte a crescenti minacce per la salute, quali l'obesità, l'abuso di tabacco, di alcool e di droghe, i disordini mentali e gli incidenti stradali;
c) Ridurre le disparità che permangono sul piano sanitario e nell'accesso alle cure nei Paesi dell'OCSE;
d) Continuare ad assicurare una sostenibilità finanziaria dei propri sistemi sanitari; il ramo privato dell'assicurazione malattia svolge un ruolo in tal senso, ma  il suo sviluppo deve essere accompagnato da un assetto regolamentare ben concepito;
e) Adoperarsi per realizzare i guadagni di produttività indispensabili alla sostenibilità finanziaria e al miglioramento della qualità delle cure;
f) Accrescere gli sforzi per incoraggiare l'industria a sviluppare innovazioni che rispondano alle esigenze della sanità con costi sostenibili;
g) Assicurare che le cure di lunga durata rispondano a criteri di qualità e che consentano la libera scelta e, che siano economicamente sostenibili;
h) Realizzare sufficienti investimenti nelle risorse umane e nello sviluppo professionale di tali risorse per essere in grado di rispondere alla futura domanda di cure sanitarie.

FUTURI LAVORI DELL'OCSE SULLA SANITÀ

Ringraziamo l'OCSE per i suoi lavori sulle statistiche delle politiche di sanità nell'ambito del Progetto sulla sanità e ci rallegriamo della stretta cooperazione instauratasi tra l'OCSE e le altre organizzazioni internazionali, in particolare l'OMS. Ci rallegriamo anche dei lavori sulle biotecnologie e le altre tecnologie applicate alla sanità che sono stati esaminati dai nostri colleghi della ricerca scientifica, durante la riunione del Comitato della politica scientifica e tecnologica dell'OCSE che si è tenuta a livello dei Ministri, a Parigi, il 29 e 30 gennaio 2004.

Tuttavia, permangono numerose lacune nelle statistiche della sanità e nelle analisi a livello internazionale. Siamo interessati al fatto che l'OCSE assegni un crescente valore ai lavori sulla sanità per aiutare a colmare tali lacune, poiché l'Organizzazione è dotata della perizia necessaria per realizzare comparazioni internazionali e analisi economiche dei sistemi sanitari. A condizione che sufficienti risorse siano stanziate  sul bilancio ordinario dell'OCSE o tramite specifici finanziamenti, un futuro programma di lavoro dell'OCSE sulla sanità dovrebbe vertere sui seguenti aspetti:

i. Continuare a potenziare e a migliorare l'affidabilità dell'esercizio annuale di raccolta di dati nell'ambito di Eco-Sanità OCSE, integrando la dimensione uomo-donna, e migliorando la diffusione sotto forma di dati e di testo. A tal fine, le nostre amministrazioni nazionali continueranno a lavorare con il Segretariato dell'OCSE affinché la base dati sia aggiornata e precisa e a assicurare il coordinamento con i sistemi statistici dell'OMS e di altre organizzazioni internazionali;
ii. Lavorare con le amministrazioni nazionali alla messa a punto dei conti della sanità. L'obiettivo dovrebbe essere quello di usare tutti i dati forniti da tutte le organizzazioni internazionali in un ambito coerente di conti della sanità;
iii. Elaborare, con l'assistenza di esperti nazionali, indicatori sulla qualità delle cure e indicatori su altri aspetti delle prestazioni dei sistemi sanitari. Quando si sarà raggiunto un consenso circa un insieme scientificamente stabile di indicatori affidabili, ci dovremo adoperare per coordinare i vari attori e livelli delle nostre amministrazioni per fornire informazioni omogenee;
iv. Esaminare le tematiche che i Paesi dell'OCSE considerano come rilevanti. Ad esempio, si potrebbero compiere studi nei vari settori elencati qui appresso: efficienza ospedaliera; fornitura efficace di cure di sanità primarie, anche rispetto al loro costo; tendenze in materia d'invalidità e  costi delle cure per le popolazioni anziane; aspetti economici della prevenzione delle malattie non trasmissibili; provvedimenti volti alla messa a punto di tecnologie innovatrici nel campo della sanità.

Raccomandiamo al Consiglio dell'OCSE di considerare se i sopra elencati futuri lavori dell'OCSE sulla sanità richiedono l'istituzione di un organo incaricato di soprintendere tali lavori e di fornire pareri al Consiglio sulle adeguate priorità su una base permanente. Tale organo potrebbe dare il suo parere sui lavori sulla sanità che coinvolgono diverse Direzioni dell'Organizzazione.
Per ottenere altre informazioni sulla riunione dei Ministri della sanità, siete pregati consultare il sito: www.oecd.org/healthmin2004

 

 

 

Also Available

Countries list

  • Afghanistan
  • Afrique du Sud
  • Albanie
  • Algérie
  • Allemagne
  • Andorre
  • Angola
  • Anguilla
  • Antigua-et-Barbuda
  • Antilles Néerlandaises
  • Arabie Saoudite
  • Argentine
  • Arménie
  • Aruba
  • Australie
  • Autorité Nationale Palestinienne
  • Autriche
  • Azerbaïdjan
  • Bahamas
  • Bahreïn
  • Bangladesh
  • Barbade
  • Belgique
  • Belize
  • Bermudes
  • Bhoutan
  • Bolivie
  • Bosnie-Herzégovine
  • Botswana
  • Brunéi Darussalam
  • Brésil
  • Bulgarie
  • Burkina Faso
  • Burundi
  • Bélarus
  • Bénin
  • Cambodge
  • Cameroun
  • Canada
  • Cap-Vert
  • Caïmanes, Îles
  • Centrafricaine, République
  • Chili
  • Chine (République populaire de)
  • Chypre
  • Colombie
  • Comores
  • Congo, La République Démocratique du
  • Corée
  • Corée, République Populaire Démocratique de
  • Costa Rica
  • Croatie
  • Cuba
  • Côte D'ivoire
  • Danemark
  • Djibouti
  • Dominicaine, République
  • Dominique
  • Egypte
  • El Salvador
  • Emirats Arabes Unis
  • Equateur
  • Erythrée
  • Espagne
  • Estonie
  • Etats Fédérés de Micronésie
  • Etats-Unis
  • Ethiopie
  • ex-République yougouslave de Macédoine (ERYM)
  • Fidji
  • Finlande
  • France
  • Gabon
  • Gambie
  • Ghana
  • Gibraltar
  • Grenade
  • Groenland
  • Grèce
  • Guatemala
  • Guernesey
  • Guinée Équatoriale
  • Guinée-Bissau
  • Guinéee
  • Guyana
  • Guyane Française
  • Géorgie
  • Haïti
  • Honduras
  • Hong Kong, Chine
  • Hongrie
  • Ile de Man
  • Ile Maurice
  • Iles Cook
  • Iles Féroé
  • Iles Marshall
  • Iles Vierges Britanniques
  • Iles Vierges des États-Unis
  • Inde
  • Indonésie
  • Iraq
  • Irlande
  • Islande
  • Israël
  • Italie
  • Jamaïque
  • Japon
  • Jersey
  • Jordanie
  • Kazakstan
  • Kenya
  • Kirghizistan
  • Kiribati
  • Koweït
  • l'Union européenne
  • Lao, République Démocratique Populaire
  • le Taipei chinois
  • Lesotho
  • Lettonie
  • Liban
  • Libye
  • Libéria
  • Liechtenstein
  • Lituanie
  • Luxembourg
  • Macao
  • Madagascar
  • Malaisie
  • Malawi
  • Maldives
  • Mali
  • Malte
  • Maroc
  • Mauritanie
  • Mayotte
  • Mexique
  • Moldova
  • Monaco
  • Mongolie
  • Montserrat
  • Monténégro
  • Mozambique
  • Myanmar
  • Namibie
  • Nauru
  • Nicaragua
  • Niger
  • Nigéria
  • Nioué
  • Norvège
  • Nouvelle-Zélande
  • Népal
  • Oman
  • Ouganda
  • Ouzbékistan
  • Pakistan
  • Palaos
  • Panama
  • Papouasie-Nouvelle-Guinée
  • Paraguay
  • Pays-Bas
  • Philippines
  • Pologne
  • Porto Rico
  • Portugal
  • Pérou
  • Qatar
  • Roumanie
  • Royaume-Uni
  • Russie, Fédération de
  • Rwanda
  • République du Congo
  • République Islamique d' Iran
  • République Tchèque
  • Sahara Occidental
  • Saint-Kitts-et-Nevis
  • Saint-Marin
  • Saint-Vincent-et-les Grenadines
  • Sainte-Hélène
  • Sainte-Lucie
  • Salomon, Îles
  • Samoa
  • Sao Tomé-et-Principe
  • Serbie
  • Serbie et Monténégro (avant juin 2006)
  • Seychelles
  • Sierra Leone
  • Singapour
  • Slovaquie
  • Slovénie
  • Somalie
  • Soudan
  • Soudan du Sud
  • Sri Lanka
  • Suisse
  • Suriname
  • Suède
  • Swaziland
  • Syrienne, République Arabe
  • Sénégal
  • Tadjikistan
  • Tanzanie
  • Tchad
  • Thaïlande
  • Timor-Leste (Timor Oriental)
  • Togo
  • Tokelau
  • Tonga
  • Trinité-et-Tobago
  • Tunisie
  • Turkménistan
  • Turks et Caïques, Îles
  • Turquie
  • Tuvalu
  • Ukraine
  • Uruguay
  • Vanuatu
  • Venezuela
  • Viêt Nam
  • Wallis et Futuna
  • Yémen
  • Zambie
  • Zimbabwe
  • Topics list