LEED Programme (Local Economic and Employment Development)

Progetti LEED a cui partecipare nel biennio 2011-2012

 

Sotto la guida del proprio Comitato Direttivo e previa consultazione con le organizzazioni partner, il programma LEED ha elaborato sei progetti per sostenere i governi e la società civile nella fase di ripresa da una delle peggiori crisi economiche di tutti i tempi. Lo scopo principale di ciascuno di questi progetti è  contribuire alla creazione di più posti di lavoro di qualità tramite:

  • Un’attuazione più efficace delle politiche
  • Pratiche innovative
  • Professionalità e competenze più forti
  • Strategie integrate a livello locale

 

Le priorità affrontate nei progetti sono:

Sostenere la creazione di posti di lavoro di qualità durante la ripresa economica

Prevenire l’esclusione dal mercato del lavoro

Promuovere le potenzialità dell’imprenditorialità, delle PMI e dell’economia sociale

Incoraggiare la crescita green

Dare impulso allo sviluppo locale

Costruire e sviluppare le competenze

 

Sostenere la creazione di posti di lavoro di qualità durante la ripresa economica

Le politiche del mercato del lavoro possono contribuire significativamente a promuovere la crescita nel corso della ripresa economica, a patto che i policy-maker locali possano usufruire della flessibilità necessaria ad allineare le politiche al più ampio spettro di attività e strategie per lo sviluppo economico locale. La disponibilità di risorse umane avrà un ruolo chiave nel favorire la crescita ma può rivelarsi difficile formare competenze e forza lavoro a livello locale in un momento di crescente mobilità e cambiamento demografico. Si rende quindi necessario un approccio coordinato per garantire la corrispondenza tra le competenze utilizzate e il lavoro di qualità svolto e sostenere le economie locali verso una produttività maggiore. Risultati positivi nella creazione di nuovi posti di lavoro sono generati da politiche che riescono ad adattarsi velocemente ai cambiamenti delle condizioni economiche e ad essere trasferite globalmente sul territorio

Indicatori su competenze, mobilità e qualità dell’occupazione e adattabilità delle politiche del mercato del lavoro

Il Programma LEED sta raccogliendo dati sulla domanda e offerta di competenze  nei mercati del lavoro locali (livello territoriale 3 - Tl3), con l’obiettivo di assistere i policy-maker nella predisposizione di politiche atte a far corrispondere domanda e offerta di competenze e a favorire la formazione di economie locali più reattive, in grado di generare occupazioni di qualità. Tutti i paesi membri del LEED sono invitati a partecipare a questo progetto che contribuirà alla Strategia per le Competenze dell’OCSE.

L’impatto del mutamento demografico sull’occupazione locale

Il progetto analizzerà l’impatto e le possibilità connesse all’invecchiamento e al tasso di crescita negativo della popolazione analizzando: (1) la necessità di adattare i modelli di sviluppo locale; (2) le opportunità offerte dalle nuove aree di crescita (bassa emissione di carbonio e economia silver); (3) il ruolo dell’economia sociale nel fornire nuovi servizi contribuendo alla creazione di lavoro e all’inclusione sociale. Il lavoro verrà realizzato tramite ricerche e casi di studio.

Creazione di occupazione a livello locale

Questo progetto intende migliorare il contributo delle politiche per il mercato del lavoro alla creazione di un numero maggiore di lavori di qualità attraverso la valutazione delle capacità delle politiche per l’impiego e dei servizi di accrescere competitività e produttività migliorando l’incontro tra offerta e domanda di competenze, potenziando i corsi di formazione, analizzando i gap di competenze ma anche migliorando il loro utilizzo da parte delle aziende. Attraverso un quadro di comparazione (dash board) verrà valutata la capacità di contribuire alla creazione di lavoro a livello locale da parte di preparati policy-maker locali, analizzando le seguenti aree tematiche: migliorare l’allineamento tra le politiche per l’occupazione e la formazione e lo sviluppo economico locale; aggiungere valore tramite le competenze; aumentare le capacità nell’approntare politiche efficaci per la promozione di nuove aree di crescita e inclusione dei gruppi svantaggiati.

Top

Prevenire l’esclusione dal mercato del lavoro

Alcuni gruppi sono più colpiti di altri dalla crisi economica e molti hanno dovuto affrontare ostacoli preesistenti alla crisi. Quali sono le azioni innovative per supportare il reintegro nel mercato del lavoro e prevenire la disoccupazione strutturale?

Strategie locali per l’occupazione giovanile

Il progetto analizzerà i fattori che determinano l’esclusione dei giovani dal mercato del lavoro, passando in rassegna le misure e strategie locali per sostenere la transizione dalla scuola al lavoro, l’integrazione, il mantenimento e il progresso del mercato del lavoro e l’imprenditorialità giovanile. Lo studio identificherà e valuterà le strategie locali multi-dimensionali che favoriscono l’occupazione giovanile, basandosi sul lavoro pregresso del Programma LEED su imprenditorialità giovanile, sviluppo delle risorse, avanzamento delle competenze, strategie per le competenze locali ed economia sociale. Verranno esaminati diversi casi di studio e organizzati workshop tematici.

Affrontare la disoccupazione di lungo periodo tra i gruppo più deboli

Molteplici fattori aumentano il rischio di una disoccupazione di lungo periodo, tra questi la povertà e l’esclusione sociale, i bassi livelli di competenze di base, la discriminazione, la distanza culturale dal tradizionale mercato del lavoro e la povertà del capitale sociale locale. Un approccio olistico può, a livello locale, facilitare il superamento di questi ostacoli intervenendo con azioni dirette nel campo dell’istruzione e dell’occupazione che siano complementari agli interventi più ampi nel campo dell’inclusione sociale e dello sviluppo di capacità nelle comunità. Questo progetto esaminerà le esperienze OCSE tramite la raccolta e elaborazione di dati, l’analisi di materiali e l’organizzazione di tavole rotonde per esperti a livello locale.

Top

Promuovere le potenzialità dell’imprenditorialità, delle PMI e dell’economia sociale

Per massimizzare le potenzialità delle imprese locali nel creare occupazione sono necessarie strategie inclusive e integrate in grado di fronteggiare i fallimenti del mercato del lavoro, dei governi e delle istituzioni. Alcuni degli ostacoli affrontati dagli imprenditori corrispondono a quelli dell’economia sociale.

Creare occupazione attraverso l’imprenditorialità sociale e l’economia sociale

Organizzazioni e imprese dell’economia sociale contribuiscono alla creazione di occupazione in diversi settori, offrendo nuovi servizi e prodotti per fruitori specifici, tra cui i gruppi più svantaggiati, o innovando il sistema di fornitura dei servizi. Il progetto analizzerà le potenzialità dell’economia sociale nel creare occupazione in diverse cornici istituzionali, esaminerà le condizioni essenziali per massimizzare tale contributo identificando gli ostacoli che si frappongono tra imprenditori sociali, creazione/sviluppo delle attività e promozione di innovazione sociale. Il progetto si basa sui risultati ottenuti dal progetto 2009-2010 “Accrescere l’inclusione sociale a livello locale tramite l’economia sociale”. Verranno raccolti e elaborati dati sulle attività di imprenditori sociali, estratti materiali rilevanti e organizzati workshop nei paesi interessati.

Imprese ad alto tasso di crescita occupazionale

La maggior parte dei nuovi posti di lavoro che si vengono a creare nelle economie nazionali e regionali sono ascrivibile alle imprese ad alto tasso di crescita e alle “gazzelle” (giovani imprese che crescono velocemente) che ricoprono quindi un ruolo fondamentale nella creazione di lavoro a livello locale. Lo studio esaminerà i fattori ambientali locali che contribuiscono a promuovere o frenare forme di imprenditorialità ad alto tasso di crescita. Il progetto include un’analisi su dati disaggregati locali delle imprese in una serie di paesi selezionati al fine di analizzare la distribuzione delle imprese ad alto tasso di crescita e i fattori che ne determinano la collocazione in un determinato contesto locale.

Promuovere l’imprenditorialità e la creazione d’impresa a livello locale

Questo progetto prende in esame la capacità delle economie locali di sostenere la creazione di nuove aziende e lo sviluppo di PMI, incluse quelle del settore dell’imprenditorialità sociale, e come questo possa essere promosso attraverso politiche di sviluppo economico e occupazionale a livello locale. Sarà possibile focalizzare il lavoro sia sull’imprenditorialità nel settore privato che su quella dell’economia sociale, e affrontare questioni di genere. Vi sarà inoltre la possibilità di esaminare il tema legato alla fornitura di quelle competenze imprenditoriali che permettono alle persone motivate di trasformare i propri progetti di business in un'attività economica di successo. In aggiunta ai rapporti per paese, il progetto fornirà materiali e analisi per redigere un rapporto sulle competenze per l’imprenditorialità.

Top

Incoraggiare la crescita green

Facilitare la transizione verso un’economia più green rappresenta un’opportunità di contribuire alla creazione di lavoro sostenibile e, allo stesso tempo, mitigare gli effetti del cambiamento climatico. Il lavoro contribuisce alla più ampia Strategia per una Crescita Verde, un progetto orizzontale che coinvolge l’intero l‘OCSE.

Indicatori della transizione verso un’economia locale a basso contenuto di carbonio

Quanto sono efficienti le economie locali, le aziende e le catene del valore attuali nel rispondere all’esigenza di un’economia a bassa emissione di carbonio, riadattando il proprio mercato del lavoro e ristrutturando i propri processi produttivi? Quali sono i meccanismi utilizzati negli ecosistemi per la formazione e lo sviluppo di competenze che facilitano la transizione verso uno sviluppo a basso contenuto di carbonio? Il progetto elaborerà dati per monitorare come le economie locali e le aziende si adeguano ad un’economia a bassa emissione di carbonio. L’analisi permetterà l’elaborazione di una serie di linee guida per l’adozione di politiche e pratica in grado di accelerare la transizione verso un’economia più green e la creazione di occupazione sostenibile.

Migliorare l’efficacia delle iniziative per lo sviluppo locale green

La sentita esigenza di velocizzare il passaggio ad un’economa a bassa emissione di carbonio ha stimolato lo sviluppo di iniziative locali che cercano di abbracciare, adottando un approccio sostenibile, le nuove opportunità per l’occupazione, lo sviluppo economico e sociale. Esiste un crescente interesse per capire come queste iniziative possono giocare un ruolo chiave nel promuovere lo sviluppo locale e al contempo adattare l’economia e il mercato del lavoro locale ai dettami di un’economia più green. Questo progetto mira ad identificare una serie di iniziative e meccanismi in uso, analizzare il loro impatto a livello locale ed esaminare come le politiche nazionali e locali possono agevolare il loro sviluppo. Lo studio utilizzerà dati acquisiti tramite altri progetti LEED del biennio attuale e sarà integrata da ricerche aggiuntive, casi di studio e questionari.

Top

Dare impulso allo sviluppo locale

Il successo dello sviluppo locale dipende dalle condizioni ambientali e di contesto, dalle capacità istituzionali, le informazioni, gli interventi di leadership e di strumenti di sviluppo che contribuiscono alla progettazione e attuazione di strategie di sviluppo locale. I sindaci, i rappresentanti eletti e i responsabili delle varie agenzie locali e delle organizzazioni pubbliche possono fare la differenza nei risultati ottenuti dalle politiche pubbliche e dalle iniziative locali congiunte, soprattutto se in grado di investire tempo ed energia nell'organizzazione di strategie di sviluppo locale in grado di ottenere sostegno dal settore privato e dalla società civile.

Diffondere lo sviluppo locale

Gli studi esamineranno le condizioni strutturali e gli strumenti di intervento per uno sviluppo economico locale di successo nei paesi e nelle località partecipanti. I temi strategici che verranno affrontati comprendono la finanza e gli investimenti, come costruire la base di conoscenza, agenti di diffusione e strategie economiche. In aggiunta a questi studi, il progetto fornirà dati analitici per due ulteriori rapporti:

(i) quali sono i fattori fondamentali della leadership economica locale per supportare la ripresa e organizzare efficacemente lo sviluppo locale; e

(ii) potenziare l’impatto dei sistemi di sviluppo locale (reti di partner pubblici, privati e non governativi che lavorano all’interno di un’area definita per creare le condizioni favorevoli per la crescita economica, la coesione sociale e la creazione di occupazione).

Il progetto si prefigge di fornire strumenti per meglio comprendere come i sistemi di sviluppo locale possono incrementare la propria funzionalità ed efficacia.

Sostenere strategie locali basate su evidenze empiriche

Questa attività intende fornire una guida alle organizzazioni di sviluppo locale su come predisporre strategie basate su evidenze empiriche utilizzando i sistemi di informazioni e di valutazione locali rilevanti. Manuali pratici, strumenti interattivi informatici e meccanismi di apprendimento tra pari verranno utilizzati per raccogliere informazioni, valutarle e analizzarle.

Top

Costruire e sviluppare le competenze

Lo sviluppo di capacità (capacity development)sta acquisendo un’importanza crescente nell’era dell’economia globale dove le politiche sono interdipendenti e la loro attuazione richiede una profonda conoscenza della dimensione locale. Il programma LEED ha sviluppato in questi anni una serie di strumenti efficaci per sviluppare le competenze sia dei policy-maker che degli operatori dello sviluppo locale, promuovendo lo scambio di esperienze tra i due gruppi. Questi strumenti sono stati promossi largamente al di fuori dell’area OCSE e hanno quindi contribuito alla diffusione di lezioni sulle politiche in tutto il mondo.

Capacity development: studi, rapporti e seminari

Il centro OCSE LEED di Trento per lo sviluppo locale continuerà a sviluppare competenze di policy-maker e operatori nelle diverse aree di conoscenza del LEED, partendo dall’assunto che applicare un approccio integrato all’ideazione preparazione, attuazione e valutazione di strategie e politiche di sviluppo economico e occupazionale a livello locale richiede capacità e competenze di alto livello.
Sessioni di capacity building e studi “attivi” (active reviews) che includono una componete di capacity building verranno proposti a policy-maker e operatori in paesi membri e non membri, con particolare attenzione all’Europa centrale e orientale, ai paesi che partecipano al processo di collaborazione rafforzata – OECD Enhanced Engagement countries – e alle economie emergenti.

Scambio di esperienze con/tra operatori del settore

Il Forum OCSE LEED sui Partenariati e la Governance Locale (FPLG) continuerà a supportare lo scambio di esperienze a livello globale tra il Comitato Direttivo LEED, la più ampia rete di policy-maker e di operatori del settore. Il Forum si prefigge di incrementare la divulgazione dei risulti del lavoro del programma LEED, accrescere la propria rilevanza grazie ai suggerimenti degli stakeholder coinvolti nell’attuazione delle politiche, ed identificare pratiche innovative a livello locale. Il Forum organizzerà seminari di capacity building e un incontro annuale, produrrà schede paese sui modelli di partenariati esistenti, manuali e materiali pedagogici sulle tematiche inerenti al lavoro dei partenariati; raccoglierà e diffonderà rilevanti rapporti attraverso il sito web e il database informatico. 

Scambio di esperienze nel Sud-Est Asiatico

Il progetto Strategie per l’Occupazione e lo Sviluppo di Competenze nel Sud-Est Asiatico (ESSSA) continuerà a facilitare lo scambio di esperienze sullo sviluppo occupazionale e delle competenze tra l’area OCSE e il Sud-Est Asiatico, identificare politiche e azioni innovative nella regione e fornire una serie di linee guida e raccomandazioni. Verranno prodotti rapporti analitici su politiche emergenti, organizzati incontri tra esperti e lo scambio di informazioni verrà supportato da un sito web interattivo. Il progetto è gestito con l’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) con la collaborazione dell’Associazione delle Nazioni del Sud-Est Asiatico (ASEAN).

 

Aggiungi ai preferiti: www.oecd.org/cfe/leed/projects

 

 

 

Related Documents

 

LEED projects you can join in 2011-2012 ITALIAN

 

Also Available

Countries list

  • Afghanistan
  • Albania
  • Algeria
  • Andorra
  • Angola
  • Anguilla
  • Antigua and Barbuda
  • Argentina
  • Armenia
  • Aruba
  • Australia
  • Austria
  • Azerbaijan
  • Bahamas
  • Bahrain
  • Bangladesh
  • Barbados
  • Belarus
  • Belgium
  • Belize
  • Benin
  • Bermuda
  • Bhutan
  • Bolivia
  • Bosnia and Herzegovina
  • Botswana
  • Brazil
  • Brunei Darussalam
  • Bulgaria
  • Burkina Faso
  • Burundi
  • Cambodia
  • Cameroon
  • Canada
  • Cape Verde
  • Cayman Islands
  • Central African Republic
  • Chad
  • Chile
  • China (People’s Republic of)
  • Chinese Taipei
  • Colombia
  • Comoros
  • Congo
  • Cook Islands
  • Costa Rica
  • Croatia
  • Cuba
  • Cyprus
  • Czech Republic
  • Côte d'Ivoire
  • Democratic People's Republic of Korea
  • Democratic Republic of the Congo
  • Denmark
  • Djibouti
  • Dominica
  • Dominican Republic
  • Ecuador
  • Egypt
  • El Salvador
  • Equatorial Guinea
  • Eritrea
  • Estonia
  • Ethiopia
  • European Union
  • Faeroe Islands
  • Fiji
  • Finland
  • Former Yugoslav Republic of Macedonia (FYROM)
  • France
  • French Guiana
  • Gabon
  • Gambia
  • Georgia
  • Germany
  • Ghana
  • Gibraltar
  • Greece
  • Greenland
  • Grenada
  • Guatemala
  • Guernsey
  • Guinea
  • Guinea-Bissau
  • Guyana
  • Haiti
  • Honduras
  • Hong Kong, China
  • Hungary
  • Iceland
  • India
  • Indonesia
  • Iraq
  • Ireland
  • Islamic Republic of Iran
  • Isle of Man
  • Israel
  • Italy
  • Jamaica
  • Japan
  • Jersey
  • Jordan
  • Kazakhstan
  • Kenya
  • Kiribati
  • Korea
  • Kuwait
  • Kyrgyzstan
  • Lao People's Democratic Republic
  • Latvia
  • Lebanon
  • Lesotho
  • Liberia
  • Libya
  • Liechtenstein
  • Lithuania
  • Luxembourg
  • Macao (China)
  • Madagascar
  • Malawi
  • Malaysia
  • Maldives
  • Mali
  • Malta
  • Marshall Islands
  • Mauritania
  • Mauritius
  • Mayotte
  • Mexico
  • Micronesia (Federated States of)
  • Moldova
  • Monaco
  • Mongolia
  • Montenegro
  • Montserrat
  • Morocco
  • Mozambique
  • Myanmar
  • Namibia
  • Nauru
  • Nepal
  • Netherlands
  • Netherlands Antilles
  • New Zealand
  • Nicaragua
  • Niger
  • Nigeria
  • Niue
  • Norway
  • Oman
  • Pakistan
  • Palau
  • Palestinian Administered Areas
  • Panama
  • Papua New Guinea
  • Paraguay
  • Peru
  • Philippines
  • Poland
  • Portugal
  • Puerto Rico
  • Qatar
  • Romania
  • Russian Federation
  • Rwanda
  • Saint Helena
  • Saint Kitts and Nevis
  • Saint Lucia
  • Saint Vincent and the Grenadines
  • Samoa
  • San Marino
  • Sao Tome and Principe
  • Saudi Arabia
  • Senegal
  • Serbia
  • Serbia and Montenegro (pre-June 2006)
  • Seychelles
  • Sierra Leone
  • Singapore
  • Slovak Republic
  • Slovenia
  • Solomon Islands
  • Somalia
  • South Africa
  • South Sudan
  • Spain
  • Sri Lanka
  • Sudan
  • Suriname
  • Swaziland
  • Sweden
  • Switzerland
  • Syrian Arab Republic
  • Tajikistan
  • Tanzania
  • Thailand
  • Timor-Leste
  • Togo
  • Tokelau
  • Tonga
  • Trinidad and Tobago
  • Tunisia
  • Turkey
  • Turkmenistan
  • Turks and Caicos Islands
  • Tuvalu
  • Uganda
  • Ukraine
  • United Arab Emirates
  • United Kingdom
  • United States
  • United States Virgin Islands
  • Uruguay
  • Uzbekistan
  • Vanuatu
  • Venezuela
  • Vietnam
  • Virgin Islands (UK)
  • Wallis and Futuna Islands
  • Western Sahara
  • Yemen
  • Zambia
  • Zimbabwe
  • Topics list